06 settembre 2015

MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 2015


La 72ma edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia si svolge dal 2 al 12 settembre 2015. Vi segnaliamo i titoli indiani in cartellone:

Visaaranai


- Visaaranai (in concorso sezione Orizzonti), in lingua tamil, scritto e diretto da Vetri Maaran (regista del pluripremiato Aadukalam), prodotto dalla superstar Dhanush. La colonna sonora è composta da G.V. Prakash Kumar. Visaaranai è il primo film tamil in concorso a Venezia nella storia del festival. Proiezioni 10 e 11 settembre 2015. Trailer sottotitolato in inglese;

Island city

- Island city (in concorso sezione autonoma Giornate degli Autori), opera prima di Ruchika Oberoi, con Vinay Pathak. Island city è una black comedy composta da tre episodi. Proiezioni 1, 8 e 11 settembre 2015. Recensione di Sentieri selvaggi. Recensione di Close-up;



- Pyaasa (1957) (in concorso sezione Venezia Classici), capolavoro di Guru Dutt, con Guru Dutt e Waheeda Rehman. Prima mondiale dell'edizione restaurata. Proiezioni 11 e 12 settembre 2015. Trailer.

Lista completa dei film.

Aggiornamento del 10 settembre 2015: vi offriamo  di seguito le prime immagini della sessione fotografica e del red carpet di Visaaranai. Fonte: profilo Twitter de La Biennale. Vi segnaliamo inoltre un breve video della conferenza stampa organizzata in occasione della proiezione del film, e la recensione pubblicata da Hindustan Times.





Aggiornamento dell'11 settembre 2015: prima vittoria per Visaaranai a Venezia. L'opera di Vetri Maaran si aggiudica il premio di Amnesty International (sezione italiana) per il miglior film sui diritti umani. Congratulazioni! Leggiamo nel comunicato stampa
'Il film racconta con uno stile fortemente anticonvenzionale una realtà drammatica e tragicamente ingiusta. Lo sguardo di Maaran è lucido e naif insieme, spietato e commosso, illuminato a tratti da lampi di ironia che rendono il film originale e spiazzante. Un esempio di cinematografia coraggiosa alla quale è bello e doveroso dare spazio e voce' - ha dichiarato Veronica Pivetti, attrice, regista, testimonial di Amnesty International Italia e presidente della giuria del premio. 
'Molti altri film, in concorso e non, si sono occupati di vari aspetti relativi ai diritti umani, con sensibilità e originalità. Ma Visaaranai, tratto dall'esperienza di un sopravvissuto ora attivista per i diritti umani, ha prevalso sugli altri, per la potente carica di denuncia della tortura praticata nelle stazioni di polizia dell'India e per il clima d'impunità e corruzione che la favorisce, a scapito di persone vulnerabili e indifese' - ha aggiunto Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. 
Vi segnaliamo inoltre la recensione di Visaaranai pubblicata da Sentieri Selvaggi.



Vetri Maaran


Aggiornamento del 12 settembre 2015: Ruchika Oberoi vince il premio Fedeora (Federation of Film Critics of Europe and the Mediterranean) per il miglior regista esordiente grazie a Island city, con Vinay Pathak, proiettato alle Giornate degli Autori a Venezia. La motivazione: 'Island city ci ha colpito per la sua visione surrealistica di un mondo pseudo-moderno che comunque affonda le sue radici nella realtà della vita quotidiana'. Abbiamo comunicato la vittoria a Vinay Pathak via Twitter. Ecco il commento dell'attore: 'A delightful moment for the debut director! How she makes all of us proud and happy! Applause Applause! Go Ruchika!'. Vi segnaliamo la recensione di Island city pubblicata da Indie-eye.

Approfittiamo per offrirvi, inoltre, le recensioni di Visaaranai pubblicate da Il manifesto e da Paperstreet.


Ruchika Oberoi a Venezia

Red carpet di Island city





Aggiornamento del 7 ottobre 2015: Semplicemente MAGNIFICA la recensione di Visaaranai redatta da Raffaele Meale per Quinlan. Un estratto: 'Se c’è una cinematografia che esce vittoriosa dalla settantaduesima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, si tratta senza dubbio alcuno di quella indiana'. Queste sono le cose che ci piace leggere...

Nessun commento: