31 dicembre 2011

ZEE CINE AWARDS PER L'ANNO 2011: LE NOMINATION



Sono state rese note le nomination per gli Zee Cine Awards relativi alla produzione 2011. Vi segnaliamo di seguito le categorie principali:

* Miglior film
- Rockstar
- The dirty picture

* Miglior regista
- Farhan Akhtar per Don 2
- Imtiaz Ali per Rockstar
- Milan Luthria per The dirty picture
- Rohit Shetty per Singham
- Siddique per Bodyguard
- Zoya Akhtar per Zindagi Na Milegi Dobara

* Miglior attore protagonista
- Hrithik Roshan per Zindagi Na Milegi Dobara
- Ajay Devgan per Singham
- Ranbir Kapoor per Rockstar
- Salman Khan per Bodyguard
- Shah Rukh Khan per Don 2
- Shah Rukh Khan per Ra.One

* Miglior attrice protagonista
- Kangna Ranaut per Tanu Weds Manu
- Kareena Kapoor per Bodyguard
- Katrina Kaif per Zindagi Na Milegi Dobara
- Priyanka Chopra per 7 Khoon Maaf
- Vidya Balan per The dirty picture

La cerimonia di assegnazione dei premi si terrà a Macao il 21 gennaio 2012, e sarà presentata da Shah Rukh Khan e Priyanka Chopra.
Lista delle nomination
Sito ufficiale degli Zee Cine Awards

24 dicembre 2011

WHY THIS KOLAVERI DI? CONQUISTA YOUTUBE

Dhanush - video di Why This Kolaveri Di?


Non possiamo concludere l'anno senza dedicare un pezzo al fenomeno Why This Kolaveri Di?, brano incluso nella colonna sonora del film tamil 3, diretto da Aishwarya Rajinikanth (figlia della superstar Rajinikanth) e interpretato dal marito Dhanush e da Shruti Haasan (figlia della star Kamal Haasan). 3 dovrebbe essere distribuito nel gennaio 2012. La nota canzone è stata composta dal giovanissimo Anirudh Ravichander (parente di Aishwarya) al suo debutto, mentre lo spiritoso testo tanglish (un mix di tamil e inglese) è stato redatto dallo stesso Dhanush. Ed è sempre Dhanush al microfono a prestare la voce. Il video ufficiale è stato caricato in YouTube il 16 novembre 2011, e ad oggi ha registrato l'inimmaginabile numero di 27.207.000 visite e 93.000 commenti da 130 Paesi. Non si contano le versioni alternative e le parodie che sono fiorite nel web. Why This Kolaveri Di? è il primo brano tratto da una pellicola non hindi ad essere trasmesso in heavy rotation da tutti i canali radiofonici indiani.

E' molto interessante l'analisi pubblicata da The Hindu in questo articolo:
'Il clamoroso successo di Kolaveri Di è stato salutato dai commentatori come il primo esempio indiano di viral marketing. E non solo: con Kolaveri Di è balzato al centro dell'attenzione il cambiamento nei rapporti che si intrecciano fra cinema e web. Gli utenti della rete, provenienti da ogni parte dell'India, hanno remixato, rimontato, riutilizzato il video per creare una propria narrazione. Inoltre sino ad ora erano solo i filmati a sfondo pornografico o voyeuristico a registrare un numero altissimo di visite. Kolaveri Di è il primo caso in India di un video di tipo diverso che diviene così famoso semplicemente perchè divertente e accattivante'.

Ma cosa significa il titolo del brano? Letteralmente: perchè questa furia omicida, ragazza?, e per furia omicida qui si intende crepacuore (perchè mi hai spezzato il cuore, ragazza?). Nel testo si incontra anche l'espressione soup song. Soup in questo caso indica qualcuno che è stato rifiutato in amore. Soup song si può tradurre con canzone di un fallimento amoroso. In breve Why This Kolaveri Di? parla di un ragazzo che è stato respinto da una ragazza, che si è ubriacato, e che tutto alticcio canta chiedendosi perchè sia successo.

A titolo informativo precisiamo che il video ufficiale del brano pare più cliccato del 2010, Sheila Ki Jawani, ha registrato poco più di 14 milioni di visite in 13 mesi. Il video di Kolaveri Di quasi il doppio in sole cinque settimane.
Puntualizziamo inoltre che Dhanush è un apprezzato attore tamil premiato quest'anno col prestigioso National Award per la sua interpretazione in Aadukalam. Per saperne di più: clicca qui.

Dhanush e Anirudh Ravichander

Rassegna stampa/video:
- 22.11.11, The Wall Street Journal, Video: 'Kolaveri Di' goes viral. But why?
- 23.11.11, The Hindu, Why this 'Why This Kolaveri'?
- 10.12.11, Hindustan Times, The secret behind online viral trends, lungo testo che include un'intervista a Dhanush e una all'organizzatrice del famoso flash mob a Mumbai sulle note di Rang De Basanti (video che ha conquistato quasi due milioni di visite in meno di un mese)
- 15.12.11, Los Angeles Times, Dhanush conquers Bollywood, then YouTube
- video: intervista concessa da Dhanush, Anirudh Ravichander e Shruti Haasan a Zoom Tv
- video: caotica intervista concessa da Dhanush diffusa da Business of Cinema nella quale l'attore accenna al testo modificato in onore di Amitabh Bachchan
- video: partecipazione di Dhanush al Mind Rocks: India Today Youth Summit 2011 a Chennai. Dhanush, imbarazzatissimo, improvvisa col pubblico un'esibizione
- video: partecipazione di Dhanush al flash mob organizzato a Mumbai da Mumbai Mirror
- video diffuso da CNN (USA) nel quale Kolaveri Di viene definita top song of the year (aggiornamento del 29.12.11)
- video: Dhanush dedica Kolaveri Di ad Amitabh Bachchan (aggiornamento del 02.01.12).

Segnaliamo anche il blog The Kolaveri Wall che raccoglie le diverse versioni del brano, fra cui:
- versione del piccolo Nevaan, figlio del celebre cantante Sonu Nigam (4.000.000 di visite in tre settimane)
- versione punjabi (706.000 in due settimane)
- flash mob ad Auckland (quasi 400.000 in una settimana)
- versione con Tom & Jerry (258.000 in due settimane)
- Party mix ft. Bups Saggu & Jati Cheed, remix professionale (76.000 in cinque giorni)
- versione R&B inglese, How could you do this to me? (54.000 in due settimane)
- versione satirica pachistana, Where Is Democracy Di? (17.000 in una settimana).

Aggiornamento del 24.04.12: la pellicola tamil 3 pare non abbia incontrato i favori del pubblico, malgrado il tormentone Why This Kolaveri Di? incluso nella colonna sonora. Vi presentiamo il video ufficiale del brano. Caricato in YouTube il 10 aprile 2012, conta ad oggi 743.000 visite. Personalmente preferisco il filmato girato in studio di registrazione - 53.456.000 visite -, anche se le coreografie maschili sono sempre divertenti.

22 dicembre 2011

EKTA KAPOOR: LA VERA SIGNORA DI BOLLYWOOD



Forse il trend non continuerà, o forse la conquista femminile di Bollywood è ormai compiuta. E' indubbio che il 2011 termini in India con la deflagrante esplosione di The dirty picture, pellicola innovativa nel panorama della cinematografia hindi per un nugolo di ragioni. The dirty picture rientra nel filone masala dei film indiani di intrattenimento, con danze, canzoni, colori, amore, commedia, dramma. Ma è una pellicola tutta al femminile: narra la storia di una donna, è interpretata da un'attrice - Vidya Balan - dotata e consistente, ed è finanziata da una produttrice - Ekta Kapoor - che con una manciata di titoli sta rivoluzionando le regole tradizionali dell'industria dei sogni di Mumbai. Il tema investigato da The dirty picture è molto audace per gli standard del cinema popolare indiano: il fenomeno dei soft porno in lingua tamil negli anni ottanta.


Ma chi è Ekta Kapoor? 36 anni, figlia della star Jeetendra e sorella dell'attore Tusshar Kapoor, Ekta possiede la casa di produzione Balaji Telefilms, che dal 1994 ha realizzato una miriade di programmi televisivi di successo di stampo populista. Nel 2001 Ekta debutta nel cinema, e sino al 2011 finanzia undici titoli, fra i quali segnaliamo:
* Kucch To Hai (2003), horror co-diretto da Anurag Basu, proveniente dalla regia televisiva e qui al suo esordio per il grande schermo;
* Krishna Cottage (2004), altro horror;
* Love Sex Aur Dhokha (2010), diretto da Dibakar Banerjee, il botto che tramortisce pubblico e critica, la pellicola ad oggi forse più scioccante del cinema indiano a beneficiare di una larga distribuzione, di certo molto trasgressiva per la tradizione locale e pionieristica nell'uso originale della tecnologia digitale. Per la prima volta la censura consente di includere la parola sex nel titolo di un film popolare. Trailer;
* Once upon a time in Mumbaai (2010), stilosa gangster story diretta da Milan Luthria, con Ajay Devgan e Emraan Hashmi. Trailer;
* Shor in the city (2011), gangster story diretta da Raj Nidimoru e Krishna D.K., con Tusshar Kapoor. Trailer;
* Ragini MMS (2011), horror di grande successo realizzato con tecnologia digitale. Trailer;
* The dirty picture (2011), diretto da Milan Luthria, con Vidya Balan, Naseeruddin Shah, Emraan Hashmi e Tusshar Kapoor. Trailer.
Negli anni 2007-2011 Ekta inoltre coproduce quattro pellicole, fra cui Shootout at Lokhandwala. Quanto ai progetti futuri, sono in cantiere due titoli, fra cui il sequel di OUATIM, diretto da Milan Luthria e interpretato dalla superstar Akshay Kumar. Due anche le coproduzioni in programma: Rock The Shaadi, la zombie-comedy diretta da Navdeep Singh e interpretata da Abhay Deol, e il sequel di Shootout at Lokhandwala.



Scorrendo i film realizzati da Ekta Kapoor, balzano all'occhio alcune caratteristiche comuni. Innanzitutto una singolare predilezione per l'horror, genere non troppo amato in India. Poi il sostegno a registi non appartenenti al giro che conta - con l'esclusione di Anurag Basu, che comunque viene finanziato da Ekta per la sua pellicola d'esordio - ma che stanno rimescolando le carte dell'ortodossia estetica bollywoodiana. L'ingaggio di attori in ruoli inaspettati (Emraan Hashmi in OUATIM e in The dirty picture, Tusshar Kapoor in Shor in the city, Naseeruddin Shah e soprattutto Vidya Balan in The dirty picture, Akshay Kumar nel sequel di OUATIM). Nessun timore di abbracciare un tema considerato audace come il sesso (che traina al successo anche l'horror Ragini MMS). Budget di bassa o media entità, resi possibili anche grazie all'esclusione di sequenze girate in location straniere e all'assenza nei cast di superstar (con l'eccezione di Akshay Kumar nel futuro sequel di OUATIM).
Colpisce poi la lungimiranza mostrata da Ekta nella scelta delle campagne promozionali a sostegno dei titoli Balaji, campagne accattivanti ma mai invasive, sempre originali e ben concepite. L'industria cinematografica indiana rimase piacevolmente sorpresa dall'affissione, in diverse città, di manifesti di OUATIM realizzati a mano, con la stessa tecnica utilizzata negli anni settanta e seguendo lo stesso stile grafico. Da manuale anche l'azzeccatissima promozione relativa a The dirty picture, inaugurata con largo anticipo - come è ormai uso a Bollywood - ma misurata a creare le giuste aspettative, senza eccedere in clamori o sovraesposizioni. Da sottolineare che The dirty picture è stato sostenuto e promosso con la convinzione tipica con cui si promuovono le pellicole imperniate su figure maschili e interpretate da superstar, ponendo l'accento sull'intrattenimento puro (omettendo dunque il risvolto tragico nella vita della protagonista), ed eludendo scaltramente l'errore nel quale si incorre in India quando si pubblicizza un titolo al femminile, quello cioè di indurre il pubblico a credere che si tratti di un film d'autore.



In questa lunga intervista concessa meno di un mese fa da Ekta Kapoor a Hindustan Times leggiamo alcune dichiarazioni interessanti:
'Ritengo che negli affari l'aspetto commerciale sia importante quanto quello creativo. E ciò va tenuto a mente. Le mie pellicole sono diverse ma onestamente non le definirei molto coraggiose. Ad esempio: LSAD e Shor in the city sono inusuali, realizzati sulla base di una certa idea ma destinati ad un certo pubblico, e hanno funzionato. OUATIM è un regolare film commerciale. Secondo me è The dirty picture il più coraggioso, perchè per la prima volta ho tentato di mescolare i due aspetti, di mescolare le classi e di raggiungere comunque le masse. Da un lato ho prodotto una pellicola su un'attrice soft porno che non è un documentario, e dall'altro ho preteso che non fosse una semplice esposizione di sesso e di nudo. E nemmeno una storia triste. La protagonista non è una vittima, bensì una donna audace e del tutto non apologetica che celebra la sua sessualità e diviene una forza con cui fare i conti. E' stato davvero piuttosto complicato e decisamente azzardato produrlo, ma ho corso il rischio'.

(Una curiosità: Vidya Balan aveva già partecipato ad una produzione di Balaji agli inizi della sua carriera, la sitcom televisiva Hum Paanch).

Rassegna stampa/video:
- The Times of India, 05.12.11, It's been a hurricane of sorts!, testo a firma Ekta Kapoor
- Outlook, 05.12.11, intervista concessa da Ekta Kapoor
- Headlines Today, 03.12.11, Ekta Kapoor ospite del programma On the couch with Koel (video)
- Bollywood Hungama, intervista video concessa da Ekta Kapoor.
Sito ufficiale di Balaji Telefilms

16 dicembre 2011

BUY TOURISM ONLINE 2011



La quarta edizione dell'evento Buy Tourism Online si è svolta a Firenze dal primo al 2 dicembre 2011. In programma anche un incontro dal titolo Bollywood, il sogno, a cura di Alberto Castelvecchi, con la partecipazione di Ivano Fucci di Occhi di Ulisse. Leggiamo nel sito ufficiale della manifestazione:
'Il cinema di Bollywood contribuisce a costruire il sogno delle classi sociali indiane: il panel indaga su come questo sogno influenza la costruzione del viaggio (a partire dalla scelta della destinazione) e quali sono gli elementi che l’offerta turistica di un luogo, compresi i personal touch dei singoli operatori, può e deve tenere conto per non deludere le aspettative del viaggiatore indiano'.
Vi proponiamo il divertente trailer dedicato all'incontro creato da Dario Salvelli.
Vedi anche:
- Kollywood in Toscana e tutti i link segnalati nel testo

RAM GOPAL VARMA: FILM SUGLI ATTENTATI DEL 26/11



Il celebre regista Ram Gopal Varma qualche giorno fa ha annunciato nel suo profilo Twitter il prossimo progetto, un film dedicato alla serie di atti terroristici compiuti a Mumbai fra il 26 e il 29 novembre 2008 (e che costarono la vita a 164 persone. Fonte: Wikipedia). Nel suo testo il regista dichiara:
'Il mio obiettivo non è solo quello di rappresentare quanto è accaduto (e che tutti abbiamo visto negli speciali televisivi), bensì anche quello di analizzare ciò che è avvenuto prima e dopo, dal momento in cui i terroristi raggiunsero le acque indiane sino alla cattura di Ajmal Kasab. Sarò assistito da Rommel Rodrigues, autore del saggio Kasab: the face of 26/11, ma la mia pellicola non si basa su quel libro. Il film verrà realizzato anche per un pubblico internazionale, e sarà interpretato da volti nuovi allo scopo di rafforzarne il realismo'.
Secondo questo articolo di Faridoon Shahryar (che un paio di giorni fa ha intervistato Varma), il titolo provvisorio della pellicola dovrebbe essere The attacks of 26/11. Il regista, nel suo film, non intende giustificare nessuno, nè affrontare la questione del coinvolgimento del Pakistan o del ruolo dei media, bensì sondare l'aspetto umano, provare a capire ad esempio cosa spinse Kasab ad uccidere un bambino di dieci anni alla stazione ferroviaria.

Ricordiamo che Ram Gopal Varma visitò l'Hotel Taj Mahal, teatro di uno degli attacchi, all'indomani degli attentati. Il suo sopralluogo suscitò grandi polemiche in India, e provocò le dimissioni di Vilasrao Deshmukh, Primo Ministro dello Stato del Maharashtra e padre dell'attore Riteish (entrambi avevano accompagnato il regista). Varma aveva replicato dal suo blog alle dure critiche mossegli da stampa e pubblico (clicca qui).
Ricordiamo anche che uno dei siti colpiti fu il Leopold Café, locale reso celebre dal romanzo Shantaram di Gregory David Roberts.
Pare inoltre che l'ormai famoso flash mob sulle note di Rang De Basanti (video) svoltosi il 27 novembre 2011 in uno dei luoghi degli attentati, la stazione ferroviaria Chhatrapati Shivaji Terminus (ex Victoria Terminus), sia stato organizzato proprio in memoria delle vittime.

Aggiornamento del 02.01.12: intervista video concessa da Ram Gopal Varma a Faridoon Shahryar (prima, seconda e terza parte).

10 dicembre 2011

AISHWARYA RAI E' FRA LE 100 HOTTEST WOMEN OF ALL TIME

Aishwarya Rai - Cannes 2006


Il periodico americano Men's Health ha pubblicato la classifica delle 100 hottest women of all time. Tre sono italiane: Sophia Loren (47ma), Claudia Cardinale (34ma) e Monica Bellucci (21ma). Shakira è 18ma, Megan Fox 14ma, Scarlett Johansson 12ma, Angelina Jolie 11ma, Madonna quinta, Britney Spears quarta. Conquista la corona Jennifer Aniston. L'unica rappresentante del continente asiatico inclusa nella classifica è ovviamente lei: Aishwarya Rai. La donna più bella del mondo si posiziona 44ma, con la seguente motivazione:


Aishwarya Rai - Vogue India, ottobre 2008


'Va a credito dell'incomparabile bellezza esotica di Aishwarya Rai il fatto che la diva mantenga un tale devoto seguito negli Stati Uniti, malgrado non abbia mai partecipato a grosse produzioni americane. E no, non teniamo conto del perfetto disastro che fu la commedia di spionaggio La Pantera Rosa 2, nella quale Aishwarya interpreta un'esperta criminologa che tenta di sedurre l'indifferente ispettore Clouseau (come se lui - o qualunque altro uomo - potesse resisterle). A 37 anni la magnifica attrice bollywoodiana ed ex-Miss Mondo è ancora una delle maggiori attrazioni indiane. Aishwarya ha recitato in più di quaranta film in lingua hindi, inglese e bengali'.
Ash ha battuto, fra le altre, Kim Basinger (51ma), Jennifer Lopez (60ma), Kylie Minogue (64ma), Julia Roberts (95ma).


Vedi anche:
- Aishwarya Rai 10 anni a Cannes: edizione 2002, con i link a tutti i testi dedicati alle partecipazioni di Ash al festival


KING KHAN - THE OFFICIAL OPUS OF SHAH RUKH KHAN



Faridoon Shahryar, giornalista di Bollywood Hungama, qualche ora fa ha pubblicato nel suo blog la notizia secondo cui domani 11 dicembre, in un hotel a Mumbai, verrà formalmente annunciata la pubblicazione del lussuoso volume King Khan - The Official Opus of Shah Rukh Khan. Il divo sarà presente all'evento e autograferà la prima copia. Il libro verrà reso disponibile in edizione limitata nel 2012.
Testo di Faridoon Shahryar
Sito di Opus Media Group
Area del sito dedicata al volume
Area del sito dedicata al marchio Ferrari



Aggiornamento del 21.12.11:
- articolo di Bollywood Hungama: per la prima volta un Opus verrà dedicato ad un attore. L'edizione limitata - 1.000 copie - del gigantesco volume consterà di 800 pagine, sarà rilegata in pelle, peserà 37 chili (!), includerà foto e interviste inedite nonchè degli estratti dal diario personale di Shah Rukh Khan. Il contenuto verrà suddiviso in 13 capitoli a tema. Tutte le copie saranno autografate dalla superstar. Fortunatamente verrà distribuita anche un'edizione diciamo tascabile di 400 pagine, ad un prezzo più accessibile, che conterrà una selezione del materiale pubblicato nella premium edition. King Khan - The Official Opus of Shah Rukh Khan sarà disponibile anche in DVD, e sarà prevista un'applicazione iTunes scaricabile per iPad, iPhone, iPod Touch e Android;
- video (45 minuti) della presentazione del volume diffuso da Business of Cinema;
- video: breve intervista concessa da SRK a CNN-IBN.
 
Vedi anche:

05 dicembre 2011

UN MUSICAL ITALIANO ISPIRATO A 3 IDIOTS?



Il noto regista e produttore Vidhu Vinod Chopra qualche giorno fa era a Goa ospite dell'International Film Festival of India. Secondo quanto riportato in questo articolo pubblicato ieri da The Times of India, nel corso di una conferenza stampa Chopra avrebbe dichiarato che il clamoroso blockbuster 3 idiots da lui prodotto verrà riproposto in Italia sotto forma di musical. Pare inoltre che alcune major americane abbiano contattato Chopra per un remake hollywoodiano del film.

04 dicembre 2011

DUBAI INTERNATIONAL FILM FESTIVAL 2011

Prasenjit Chatterjee - Baishe Srabon


L'ottava edizione del Dubai International Film Festival si svolgerà dal 7 al 14 dicembre 2011. Vi segnaliamo alcuni dei titoli indiani in cartellone:

* Kshay (2011), sezione Celebration of Indian Cinema, di Karan Gour. Sito ufficiale e trailer;
* Laptop (2011), sezione Muhr AsiaAfrica Feature, di Kaushik Ganguly, con Rahul Bose, in lingua bengali. Trailer;
* Akam (2011), sezione Celebration of Indian Cinema, di Shalini Usha Nair, in lingua malayalam. Trailer;
* Ladies v/s Ricky Bahl (2011), sezione Celebration of Indian Cinema - Gala Film, di Maneesh Sharma, con Anushka Sharma e Ranveer Singh. LVRB verrà proiettato in prima mondiale l'8 dicembre. Sito ufficiale e trailer;


Anushka Sharma e Ranveer Singh - DIFF 2011

* Maithanam (2011), sezione Celebration of Indian Cinema, di Muthusamy Sakthivel, in lingua tamil;
* Baishe Srabon (2011), sezione Celebration of Indian Cinema, di Srijit Mukherji, con Prasenjit Chatterjee e Raima Sen, in lingua bengali. Sito ufficiale e trailer;
* Dil Se (1998), sezione Lifetime Achievement, di Mani Ratnam, colonna sonora di A.R. Rahman;
* Lagaan (2001), sezione Lifetime Achievement, di Ashutosh Gowariker, con Aamir Khan, colonna sonora di A.R. Rahman. Trailer. Trailer in italiano.

A.R. Rahman - Dubai International Film Festival 2011

Un riconoscimento alla carriera verrà conferito al celeberrimo compositore premio Oscar A.R. Rahman. E' previsto un incontro con Shah Rukh Khan, Farhan Akhtar e Priyanka Chopra l'8 dicembre alle ore 16.00. Segnaliamo inoltre il 7 dicembre la prima mondiale ufficiale di Mission: impossible - Ghost protocol con Anil Kapoor (la pellicola in realtà è già stata proiettata nei giorni scorsi in Corea e pare anche in Giappone, e oggi a Mumbai nel corso di un evento promozionale a cui ha partecipato anche Tom Cruise). Anil Kapoor e A.R. Rahman calcheranno il red carpet. Rahul Bose è atteso alla manifestazione.

Shah Rukh Khan - DIFF 2011
Sito ufficiale del festival
Aggiornamento del 09.12.11:
- video: Shah Rukh Khan, Farhan Akhtar e Priyanka Chopra incontrano il pubblico;
- video: Shah Rukh, Farhan e Priyanka visitano la redazione di Gulf News;
- articolo di Gulf News a commento del video precedente;
- video: red carpet con Anil Kapoor e Tom Cruise;
- video: dichiarazioni di Anushka Sharma dal red carpet.

Anil Kapoor - Dubai International Film Festival 2011

Anil Kapoor - Dubai International Film Festival 2011

Aggiornamento dell'11.12.11:
- video diffuso da Masala dell'intervista di Shah Rukh: prima e seconda parte;
- video diffuso da Ahlan! dell'intervista di Shah Rukh;
- intervista di Shah Rukh rilasciata a Masala;
- articolo di Masala dedicato all'incontro col pubblico di Shah Rukh Khan, Priyanka Chopra e Farhan Akhtar.

Shah Rukh Khan, Priyanka Chopra e Farhan Akhtar - redazione di Gulf News

Shah Rukh Khan - intervista a Masala

01 dicembre 2011

FESTIVAL INTERNATIONAL DU FILM DE MARRAKECH 2011

Shah Rukh Khan - Festival International du Film de Marrakech 2011


L'undicesima edizione del Festival International du Film de Marrakech si svolge dal 2 al 10 dicembre 2011. Segnaliamo il tributo a Shah Rukh Khan previsto per il 2 dicembre alle ore 18.00 al Palais des Congrès nella Salle des Ministres, subito dopo la cerimonia d'apertura. Alle ore 20.00, nella cornice della splendida Place Jemaa El Fna, verrà proiettato fuori concorso My name is Khan. Shah Rukh in queste ore è in volo per il Marocco. Vi segnaliamo inoltre che Aparna Sen è membro della giuria. In cartellone anche un tributo a Marco Bellocchio.
Sito ufficiale del festival
Aggiornamento del 04.12.11: video della partecipazione di Shah Rukh al festival.
Aggiornamento del 09.12.11: Preity Zinta è attesa alla cerimonia di chiusura.
Aggiornamento del 29.12.11: video della partecipazione di Shah Rukh al festival diffuso da Business of Cinema.





Preity Zinta - Marrakech 2011