31 luglio 2010

THAT GIRL IN YELLOW BOOTS ALLA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 2010


Bollywood Hungama oggi rivela che il nuovo film diretto da Anurag Kashyap, il thriller That girl in yellow boots, verrà presentato in prima mondiale fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2010. Kashyap ha dichiarato: 'Sono al settimo cielo! Ringrazio il National Film Development Corporation of India, che ha co-prodotto la pellicola, per avermi aiutato ad ultimare il progetto. Ringrazio anche Ronnie Screwvala, Sanjay Singh e Sikhta Entertainment per aver finanziato TGIYB ed avermi sostenuto'. Il film verrà proiettato qualche giorno dopo al Toronto International Film Festival 2010. Ricordiamo che Anurag Kashyap lo scorso anno è stato membro della giuria a Venezia. Nella stessa edizione della manifestazione erano stati presentati fuori concorso Dev D e Gulaal. Segnaliamo inoltre che nella giornata di ieri è stata proiettata al Giffoni Film Festival 2010 di Salerno l'ultima pellicola prodotta da Kashyap, Udaan, diretta da Vikram Motwane.
(Ringraziamo Anurag Kashyap per la locandina).

Alla Mostra del Cinema di Venezia 2010 verrà presentato, nella sezione Orizzonti, il film indo-svizzero Nainsukh, diretto da Amit Dutta. Happi, la pellicola di Bhavna Talwar con Pankaj Kapoor, non è stata selezionata.
Lista dei film in programma al festival
Vedi anche:

30 luglio 2010

MELBOURNE INTERNATIONAL FILM FESTIVAL 2010

Aamir Khan - Melbourne 2010

Il Melbourne International Film Festival 2010 si tiene dal 22 luglio all'8 agosto. Segnaliamo i titoli indiani in cartellone:

* 28 e 30 luglio: Love Sex Aur Dhokha, proiettato alla presenza del regista Dibakar Banerjee.
* 30 luglio: Vihir (The well) (2010), diretto da Umesh Vinayak Kulkarni e prodotto dalla AB Corp. di Amitabh Bachchan. Il film, presentato anche alla Berlinale, è in lingua marathi. Trailer.
* 1 agosto: Ishqiya
* 3 agosto: The Japanese wife
* 6 agosto: Peepli (live), proiettato alla presenza del produttore Aamir Khan.

Sito ufficiale del Melbourne International Film Festival.
Aggiornamento del 10.11.10:
- video dell'incontro di Aamir Khan col pubblico in sala: prima e seconda parte
- Bollywood Hungama: intervista video ad Aamir Khan 
- Bollywood Hungama: intervista video unplugged ad Aamir Khan
- Hindustan Times: dichiarazioni di Aamir Khan raccolte a Melbourne

27 luglio 2010

IL CLAN DEI BACHCHAN A ROMA

Da destra: Abhishek, Amitabh, Aishwarya e Jaya Bachchan

Il clan dei Bachchan al completo è in questi giorni a Roma. Amitabh Bachchan ha postato alcuni testi nel suo blog personale dalla capitale italiana a partire dal 24 luglio, ed ha continuato sino ad oggi.

* 25 luglio - frammenti tratti dal profilo in Twitter:
'Roma non è stata eretta in un giorno e di certo non può essere visitata interamente in un giorno. Abbiamo camminato tutto ieri e visto una milionesima frazione della città. Bella mattinata, oggi. La città si illumina al crescere del sole. A Roma stiamo facendo quello cha fanno i romani: andiamo a spasso. Ora stiamo raggiungendo Tivoli. Bella giornata, con un sole che splende piacevolmente. La nostra guida e autista, Pepe, continua a chiacchierare, e usa le mani più per gesticolare che per guidare'.

* 26 luglio - Big B pubblica nel blog delle fotografie di Roma, e scrive:
'Ecco alcune foto scattate dal balcone della mia camera, foto scattate di sera, scatti casuali, foto di Abhishek e di Aishwarya, di Jaya al ristorante a Tivoli, e del bel colore degli edifici. Oggi gloriosa visita di Tivoli e della Villa Adriana, ora in rovina, ma che deve essere restaurata per i posteri, anche se la struttura è molto rovinata e non è in condizione di sopportare ulteriori danneggiamenti'. (Testo originale).

* 26 luglio - da Twitter:
'Passeggiare per Roma può essere un'attività stancante. Per farvi capire come funziona: fan bengalesi ad ogni angolo. Sta diventando imbarazzante. Negozi, ristoranti, strade. Fan pachistani, kazaki, russi, bengalesi, di Singapore, e ora italiani. Non esistono più i paparazzi italiani, ora ci sono i paparazzi-fan e sono dappertutto. Grande atmosfera, di sera, alla scalinata di piazza di Spagna. Cantanti lirici si esibiscono alla fontana. Un soprano eccellente. Giornata affascinante. Svoltando in ogni vicolo si vive un'audace esperienza architettonica. Ma come avranno fatto a costruire tutto questo in una sola città!!! Bene: la pasta comincia ad uscirmi dagli occhi. Sapete qual è il cibo vegetariano in Italia? Pasta e pizza. Mangiale e apprezzale o in alternativa buttati nella fontana di Trevi!!'.

* 27 luglio - Amitabh pubblica in Twitter delle fotografie di Roma (con commenti) e scrive:
'Siamo fuori per essere istruiti sul Vaticano e sulla Cappella Sistina. Un'altra giornata calda e limpida. Siamo appena usciti dalla Cappella Sistina e dal Vaticano. Che nostalgia! Avevamo portato qui Abhishek e Shweta 25 anni fa. Ora siamo di ritorno dalla visita. Ma come hanno potuto anche solo pensare di creare una cosa simile! Come l'hanno relizzata! Incredibile! Ero già stato qui, ma mi meraviglio sempre. Tè e cioccolata calda nella piazza del Pantheon. Che atmosfera! Stiamo prendendo il ritmo di Roma. Storia, pittura, stile ad ogni passo, ad ogni angolo, ad ogni svolta, e poi ancora e ancora: arte sparsa in grande quantità in un'unica città'.


* 27 luglio - lungo testo (con fotografie) pubblicato nel blog. Di seguito la traduzione delle parti più salienti. Vi invitiamo a leggere anche i commenti entusiastici dei blogger.
'Si avvicina la partenza e comincio a sentirmi triste. Non importa quante monete possa aver lanciato nella fontana di Trevi per garantirmi un ritorno qui: so che probabilmente passerà molto tempo prima che accada davvero. Ogni strada o vicolo che si imbocca è un invito all'eccesso. Architettura, pittura, atmosfera, stile. Quello che Roma offre è al di là dell'immaginabile. E come hanno sognato di creare opere tanto complesse e artistiche! La fattura e la raffinatezza sono semplicemente incomparabili. In una sola settimana è impossibile abbracciare la profonda creatività che questa città rappresenta. Ristoranti con camerieri in livrea che chiacchierano piacevolmente, un sorriso e una canzone sui loro volti abbronzati. Folle di giovani intorno alle fontane. Il suono lontano delle campane, un chitarrista, un mimo, scooter guidati da bellezze italiane con casco. Un mondo a sè. Il Vaticano e la Cappella Sistina meravigliano per bellezza e per progettualità, per importanza storica e religiosa. Un'esperienza schiacciante. Nel 1985, nel corso della nostra visita, fummo invitati in Vaticano nell'area dove il Papa impartisce le benedizioni. Il Papa, dopo la predica, attraversò le transenne per salutare alcuni di noi. Fummo presentati al Papa e scattammo delle foto. Montina, la nostra collaboratrice cattolica che ha cresciuto e si è occupata dei ragazzi con materna diligenza, si emozionò moltissimo. Poi salimmo sulla cupola di San Pietro, con Abhishek che correva in tondo rendendo ansiose le persone preposte alla sicurezza. Oggi, tenendo la moglie per mano, Abhishek conduce i suoi genitori attraverso la folla di turisti, fermandosi solo per concedere autografi ai fan bengalesi, tedeschi e polacchi, e per scattare con loro alcune foto'.

Aggiornamenti del 29 luglio:

* 29 luglio - i Bachchan pare abbiano lasciato l'Italia la mattina del 29 luglio. Amitabh ha postato nel blog un altro testo, corredato da fotografie, dedicato a Roma:
'La città ti abbraccia come nessun'altra e continua a sedurti col suo volto languido e spensierato. Milioni di turisti vengono alla magnifica fontana di Trevi, per ammirarla e sentire la qualità quasi eterea del luogo. Ricordo che mentre ero a Roma per le riprese di The great gambler (*), scoprii dei ragazzini che con una calamita rubavano le monete. Oggi Giuseppe, soprannominato Pepe, la nostra guida e autista, rivela che anche lui da bambino con i suoi amici si cimentava in quell'esercizio, riempiendosi le tasche e scappando dai carabinieri (in italiano nel testo). The great gambler, l'Italia, Roma, Venezia... tanti ricordi di quei tempi tornano alla mente. Ma per oggi godiamoci la quiete di una cena in terrazza in piazza Navona. Buona notte! (in italiano nel testo)'.

* 29 luglio - da Twitter:
'E' ora di augurarvi buona notte! (in italiano nel testo). E' ora di lasciare Roma, e mi sento triste, ma tornerò presto, fontana di Trevi volendo...'.

(*) The great gambler è un film del 1979. Nel video del brano Do Lafzon Ki Hai Dil Ki Kahani, Amitabh è in gondola a Venezia e ripete alcune parole italiane incluse nel testo della canzone. In TGG molte sequenze sono state girate a Roma, in piazza Navona (con Bib G che gusta una pizza), alla fontana di Trevi (con lancio di monetine e parole in italiano), al Colosseo, eccetera.


Photogallery di Hindustan Times (aggiornamento del 28.07.10)
Profilo personale di Amitabh Bachchan in Twitter
Aggiornamento del 10.11.10:
- photogallery di Filmi Café
Vedi anche:

26 luglio 2010

GIULIA ACHILLI: INTERVISTA ESCLUSIVA

Giulia Achilli e Raja Menon

Giulia Achilli ha collaborato alla produzione di Barah Aana, il delizioso film del 2009 diretto da Raja Menon e interpretato da Naseeruddin Shah, Vijay Raaz e da Violante Placido. Giulia ha acconsentito con entusiasmo a rispondere alle nostre domande, offrendoci uno sguardo dall'interno sull'industria cinematografica indiana nonchè sulla più eccitante metropoli del subcontinente, Mumbai, città in cui vive e lavora.

1 - Lei è una giovanissima produttrice indipendente. Come è entrata nell'ambiente del cinema indiano? In quanto straniera e in quanto donna, quali difficoltà ha incontrato?
Dopo alcune esperienze in Italia, fra cui il film Onde del regista fiorentino Francesco Fei, decisi di investire del tempo nell'esplorazione di un mercato cinematografico di cui nel nostro Paese si parla spesso ma di cui si conosce poco. Così partii alla volta di Bombay, con l'intenzione di restarvi quanto necessario per toccare con mano quella realtà. Dopo un paio di mesi, incontrai Raja Menon, un giovane regista indipendente. Raja mi presentò diversi soggetti in cantiere, fra cui Barah Aana, che per gusto, idea di trattamento e in un certo senso vicinanza culturale (ricorda un po' le nostre commedie agrodolci degli anni settanta) mi colpì particolarmente. Così cominciammo a sviluppare il progetto insieme. Posso dire di aver vissuto situazioni davvero particolari, in India, a volte al limite del reale! Essere donna, giovane e straniera ha sempre fatto di me una creatura del tutto anomala a Bollywood, seppure il nostro film fosse off-Bollywood. A volte ho incontrato diffidenza, a volte sono stata accolta con grande calore, magari proprio per la mia particolarità. Comprendere il sistema con cui l'industria indiana si muove ha richiesto tempo, ed io sono rimasta a Bombay per l'intera durata del progetto, dallo sviluppo alla distribuzione nelle sale. Un'esperienza impagabile.

2 - Com'è nata la collaborazione con Raja Menon?
Il primo incontro in assoluto avvenne durante una convention a Bombay nel 2005: Italy meets Bollywood. Io ero parte ufficiale della delegazione italiana, ma la sola decisa a restare in India. In quell'occasione in effetti incontrai molti produttori/registi indipendenti indiani (fra cui Raja).

3 - Com'è stato il rapporto con gli altri componenti della troupe?
Ottimo. Una squadra giovane e dinamica, composta da persone cha avevano per lo più già lavorato insieme e che quindi condividevano una buona intesa, oltre al desiderio - come spesso accade per il circuito indipendente, in tutto il mondo - di realizzare il miglior film possibile.

4 - Qual è la sua opinione su Barah Aana?
Sono davvero felice di aver prodotto Barah Aana. Credo che il film dica qualcosa di molto importante senza cadere nella retorica. Il taglio da commedia fa sorridere in molte sequenze, ma il sorriso è poi destinato a durare a lungo? Credo che Barah Aana possa essere definito una rivisitazione contemporanea ed indiana (dunque colorata ed articolata in quel linguaggio) di alcune delle nostre vecchie commedie a sfondo sociale. La recitazione è ottima, accompagnata da un'attenzione alla realtà che spesso sfugge alle più grosse produzioni indiane. Una pellicola semplice, sincera e a suo modo efficace.

5 - Perchè, malgrado la coproduzione italiana e la presenza nel cast di Violante Placido, Barah Aana non è stato distribuito in Italia?
Il film non è una coproduzione con l'Italia ma una produzione del tutto indiana. La mia presenza e quella di Violante sono gli unici elementi italiani. Barah Aana è stato di recente acquistato da Smiley Film Sales (Nuova Zelanda) per le vendite internazionali, quindi vedremo presto gli sviluppi su questo fronte.

6 - Ha conosciuto personalmente Naseeruddin Shah e Vijay Raaz? Cosa può raccontarci di loro?
Sono indiscutibilmente due grandi attori, seppur molto diversi fra loro. Naseer ha una vastissima esperienza, sia nazionale che internazionale, una passione folle per il teatro ed una personalità molto forte. Sa cosa vuole, ha opinioni ben precise sulla maggior parte degli argomenti, una presenza scenica che parla da sè. E' un piacere ammirarlo agire ed interagire. Vijay è una persona davvero fuori dal comune. Quando Raja ed io l'abbiamo visto arrivare in occasione del primo incontro, ci siamo guardati e non abbiamo aggiunto altro: in cuor nostro la scelta era già stata fatta... Ciò che si dice selezione naturale! Ironico, disponibile, una voce originale e assolutamente autentica.

7 - Lavazza è uno dei brand partner di Barah Aana. Come è nata la collaborazione con Lavazza? Secondo lei in futuro altri marchi potrebbero acquisire visibilità sul mercato indiano tramite il cinema?
Il mio contatto è stato preso a Torino direttamente con Lavazza. Ci siamo poi incontrati in India, e data la loro recente acquisizione di Barista (grossa catena in franchising di café-bar indiani), hanno ritenuto opportuno utilizzare il nostro film (nel quale vi era una presenza italiana) per veicolare il marchio nel Paese. Spero che il product placement possa diventare sempre più una componente dei budget cinematografici, purchè venga applicato in modo sottile e con gusto.

8 - Perchè, secondo lei, nonostante gli approcci fra enti cinematografici italiani e case di produzione di Mumbai, l'Italia fatica a creare solide partnership con l'industria cinematografica indiana?
Per diversi motivi, ma il problema di fondo è secondo me riconducibile alla fase di sviluppo dei progetti. Realizzare un film richiede tempo e risorse, in primis la creazione di professionisti solidi che abbiano capacità e soprattutto sensibilità trasversali. Scrivere un film che possa funzionare bene sia nel mercato indiano che in quello italiano ed europeo è un'impresa ardua. Solo due o tre pellicole ci sono riuscite. Il linguaggio cinematografico è profondamente diverso. E' un'arte, una specialità che va nutrita e coltivata. In alternativa, il tutto si riduce a collaborazioni sul piano economico/finanziario, e andrebbe bene, ma spesso il discorso del controllo e della conoscenza dei rispettivi mercati rallenta i progetti.

9 – Quale ritiene sia l'ostacolo maggiore alla distribuzione in Italia dei film indiani?
Distribuire un film in sala in Italia costa parecchio, e la pubblicità gioca un ruolo importante. Senza il sostegno della critica (festival, premi, ecc.), e in presenza di una forte competizione da tutto il mondo, se si volesse trattare un film indiano o rumeno o brasiliano (world cinema), con la loro specificità di genere e forma, l'investimento sarebbe ad alto rischio. In Italia le pellicole indiane sono proiettate nell'ambito di rassegne o retrospettive dedicate e nelle quali i film vengono promossi come film indiani, appunto, con tutto quello che la definizione comporta.

10 - Ha qualche nuovo progetto di coproduzione di film indiani, magari girati parzialmente in Italia?
Sto terminando proprio in queste settimane un documentario indipendente girato in Kashmir tra il 2009 e il 2010 e diretto da Ashvin Kumar, nominato all'Oscar per il corto Little terrorist. E' la storia di un allenatore argentino di calcio che da tre anni vive in Kashmir, regalando un sogno a ragazzi senza molte altre alternative. In particolare, il capitano della squadra è figlio di un ex-militante islamico. Quindi una storia fondamentalmente personale, che non si prefigge di raffigurare un macro-quadro della situazione in Kashmir, ma che piuttosto segue le vite di queste figure chiave, facendo parlare loro. La post-produzione audio verrà realizzata a Londra, mentre la post-produzione video in Italia.

11 - Com'è nata la sua passione per il cinema indiano?
Da una grande curiosità per il Paese in generale, per la sua cultura, i suoi sapori, quindi anche per le sue forme artistiche ed espressive.

12 - Quali sono i suoi film, attori, registi indiani preferiti?
Wow, super domanda! Cado nell'ovvio, temo: Satyajit Ray, Bimal Roy, ma anche il trash degli anni settanta/ottanta (ho scovato chicche esilaranti!). Adoro il sopra le righe del cinema tamil (preso a piccole dosi), o anche hindi di qualche anno fa. Fra i prodotti di Bollywood, conservo bei ricordi di Lagaan.

13 - Da quanti anni vive a Mumbai?
Quattro, ma da poco ho deciso di dividere nuovamente il mio tempo fra oriente ed occidente... quindi un po' di Europa e un po' di India!

14 - Come gestisce i suoi impegni quotidiani in una metropoli così caotica e lontana dalla realtà italiana? Quali sono i problemi maggiori che ha dovuto affrontare?
E' un mondo completamente a sè stante, che quindi richiede un'immersione completa per farsi accettare ed apprezzare. I numeri sono stupefacenti: un solo quartiere di Bombay può contare quattro milioni di abitanti! Di conseguenza in questa giungla d'asfalto si lotta per le cose pratiche, a seconda del ceto sociale di appartenenza e quindi dei collaboratori che ci si può permettere. La città esplode di vita. E proprio a causa delle dimensioni e del caos di Bombay, si finisce per scegliere una determinata zona della città, mantenendo la propria quotidianità nei paraggi. La mia vita si svolge a Bandra: meeting di lavoro, frequentazioni sociali, la spesa al mercato...

15 - Per favore, ci racconti qualcosa della città. Immaginiamo che la maggior parte della scena artistica ruoti intorno a Bollywood. Ma cosa ci può segnalare di diverso e di lontano dall'industria cinematografica? Com'è l'atmosfera che si si respira a Mumbai?
Bombay ha l'atmosfera di un luogo che cresce alla velocità della luce, con i vantaggi e i disastri sociali che ne derivano. La città ha due volti: la strada e i luoghi di aggregazione/lavoro del ceto medio in fase di spasmodica espansione. Differiscono in modo lampante agli occhi di chiunque. Ad esempio: a Bandra (chiamiamolo il nuovo quartiere degli artisti) la mattina presto è ancora possibile incontrare un omino in lungi con asino al seguito, il cui latte viene consumato sul posto da grandi e piccini perchè si ritiene faccia bene al sistema immunitario e respiratorio (e considerando l'inquinamento a Bombay...). E, sempre nello stesso quartiere, aprono caffè di stile europeo, con scelta di vini e cibi mediterranei di buona qualità, nonchè locali frequentati da giovani tatuati con l'iPod nelle orecchie. Come si può sintetizzare una tale varietà?

Ringraziamo Giulia Achilli per la cortesia, la disponibilità e la simpatia.
Vi invitiamo a leggere anche Raja Menon: intervista esclusiva.  
(Ringraziamo Giulia Achilli per la fotografia).

25 luglio 2010

AAMIR KHAN E SHAH RUKH KHAN A LONDRA


Meena Iyer riporta su The Times of India la cronaca di uno dei rarissimi incontri fra le due megastar bollywoodiane, Aamir Khan e Shah Rukh Khan. Pare che venerdì sera a Londra, al ristorante giapponese Hakkasan, Aamir, Shah Rukh, il regista Karan Johar e la moglie di SRK, Gauri, abbiano cenato insieme. Aamir è a Londra per la promozione del film Peepli (live) da lui prodotto. Shah Rukh sta girando Ra.One. Karan e Gauri sono in vacanza nella capitale britannica. Aamir ha invitato il trio ad una proiezione privata di Peepli (Live), a cui SRK non ha potuto partecipare. Ma il Re ha successivamente raggiunto il resto del gruppo al ristorante. I fortunatissimi testimoni oculari presenti all'evento raccontano che i due formidabili Khan hanno chiacchierato fra loro, divertendosi moltissimo. Sembra che Karan stia scrivendo la sceneggiatura per il suo prossimo film. Magari prevederà un ruolo per entrambe le star? La speranza è l'ultima a morire.
Aggiornamento del 26.07.10: articolo di Hindustan Times
Aggiornamento del 12.08.10: video di NDTV
Aggiornamento del 10.11.10: video di NDTV

12 luglio 2010

AISHWARYA RAI SUL SET IN ITALIA

Aishwarya Rai - Roma luglio 2010, set spot Longines

The Times of India e Bollywood Hungama oggi rivelano che la divina Aishwarya Rai la prossima settimana sarà in Italia. La nota casa svizzera di orologi Longines, di cui Ash è testimonial, ha infatti commissionato un nuovo spot che verrà girato a Roma. Sembra che le riprese dureranno un paio di giorni, e che la superstar bollywoodiana sarà affiancata da Kate Winslet. Signori: si apre la caccia!
Articolo di The Times of India
Articolo di Bollywood Hungama

Aggiornamento del 22.07.10: The Times of India pubblica oggi un articolo e una photogallery riguardanti il soggiorno di Aishwarya Rai a Roma. 
Aggiornamento del 10.11.10:
- photogallery di Pink Villa
Vedi anche:

09 luglio 2010

SONAM KAPOOR NEL PROSSIMO FILM DI EDOARDO PONTI?


Bollywood Hungama pubblica oggi un articolo nel quale rivela che Anil Kapoor e Ben Stiller vorrebbero fondare insieme una casa di produzione cinematografica. Anil ha mostrato in anteprima all'attore americano Aisha, la pellicola interpretata da Sonam Kapoor e da Abhay Deol e prodotta dallo stesso Kapoor, e pare che Stiller, favorevolmente colpito, intenda scritturare Sonam per il suo prossimo film, 30 minutes or less, nel cui cast figurerebbero Jesse Eisenberg e Danny McBride. Non solo: Sonam ha ricevuto un'ulteriore offerta, questa volta da parte del regista Edoardo Ponti, figlio di Sophia Loren e di Carlo Ponti, per interpretare Das, pellicola che dovrebbe essere realizzata in India. Sonam è attualmente impegnata con Mausam, di Pankaj Kapoor, e con Thank you, di Anees Bazmee, nonchè con la promozione di Aisha. Sembra difficile quindi che l'attrice riesca a disimpegnarsi e ad accettare le proposte di Stiller e di Ponti.

04 luglio 2010

KAREENA KAPOOR: SITO UFFICIALE

Kareena Kapoor in Don

La talentuosa Kareena Kapoor ha inaugurato il suo sito ufficiale, che prevede anche un'area specifica nella quale i fan possono lasciare dei messaggi per l'attrice. E non solo: iscrivendosi al servizio newsletter, si possono ricevere via e-mail tutti gli aggiornamenti sulla carriera della star. Brava Kareena! Benvenuta nel web!

03 luglio 2010

AAMIR KHAN IN BOMBAY VELVET?


Il primo luglio il sito Filmi Café ha riportato alcune dichiarazioni del regista Anurag Kashyap riguardanti il suo progetto più volte annunciato e accantonato: Bombay velvet. In passato si era parlato di una probabile inclusione nel cast di Aamir Khan e di Shah Rukh Khan. Nell'articolo sopra menzionato, Anurag smentisce le voci relative a Shah Rukh, sostenendo che la storia narrata in Bombay velvet prevede un solo ruolo da protagonista per il quale Aamir sembra la scelta ideale. Anurag non ha ancora presentato la sceneggiatura, da lui stesso redatta, alla star, ma si impegnerà a convincere l'attore ad accettare la proposta. Il film verrebbe prodotto da Danny Boyle e da Studio 18.
Vedi anche:
Citando Aamir Khan, segnaliamo che, sempre il primo luglio, la star ha inaugurato il suo profilo personale in Twitter.